UNDER 18 ECCELLENZA: IMMENSA AUXILIUM CUS!

Grandissime emozioni alla Panetti, dove un’Auxilium CUS dal cuore enorme supera in volata Biella.
Una prestazione maiuscola quella dei ragazzi di Raho, protagonisti di un avvio fulminante, raggiunti dai lanieri nel terzo quarto ma capaci, dopo l’uscita per infortunio di Akoua, fino a quel momento uno dei migliori, di uno sprint da lucciconi agli occhi, presi per mano da Moglia e Murri.
Gara bellissima, ricca di spunti tecnici, agonistici ed emotivi, dal primo all’ultimo centesimo di secondo.
Il quarto iniziale dei gialloblu è qualcosa che si avvicina, e di molto, alla perfezione. I torinesi vietano qualunque linea di passaggio, giocano l’anticipo con la giusta dose di aggressività e di tempismo e segnano quasi ad ogni giocata.
I primi 4 punti della gara sono di Akoua, Tibs ci mette del suo con un piazzato e poi dopo un recupero, Akoua si fionda ancora a martello dentro l’area avversaria: 11-3 al 3’.
Giocando con pericolosa sufficienza, Biella non articola una manovra che sia una, va in affanno a passare la metà campo sui raddoppi avversari e quando lo fa perde palloni su palloni. Tap-in di Saccotelli, quindi ancora un recupero che culmina con due liberi a segno di Akoua: 19-9.
Gli ospiti tentano pure loro la carta del pressing, ma l’Aux CUS è in trance agonistica: Akoua alza una deliziosa parabola che muore dentro alla retina, quindi Murri è perfetto a gioco fermo. Non così i lanieri che si ritrovano 12 sotto dopo un attacco sulla linea di fondo dell’indiavolato Brizzolara, autore sulla sirena del 10’ anche del 30-16.
L’onda lunga cussina sembra inesauribile: il doppiaggio sul 32-16 lo sigla Marrone su azione di rimessa dal fondo. Biella forza tutto quello che fa e in particolare tutto quello che tira, slegata e lontanissima dalla sintonia sulla gara. Tibs la castiga con un altro canestro dentro il pitturato: 34-18 al 13’. Rajacic non è certo uno che si arrende tanto facilmente, Murri neppure: 40-23 al 15’.
Dopo un time-out chiesto da coach Baroni la Banca Sella cambia atteggiamento: lo 0-9 che la ripone in carreggiata nasce dalla difesa, da un paio di assist di classe di Blair e dalla presenza di Borgialli. Al 18’ gli ospiti tornano sotto i 10 (40-32) e si avvicinano ancora nella prima metà del terzo quarto con Rajacic: 46-40.
Il gioco cussino non è più lineare come nel primo tempo, Biella cresce e Borgialli punisce un errore clamoroso da sotto di Murri segnando dall’altra parte il 46-44.
Sulla rimessa regalo di Pirani a Rajacic e pareggio.
Nel primo vero momento di difficoltà della gara, l’Aux CUS si affida a Murri: 52-49. I tanti liberi che si guadagnano nel frangente consentono agli ospiti di ritornare davanti con il solido Rajacic: 52-53.
Ora è la squadra biancoblu a dettare i temi della gara: il pressing manda un po’ in sofferenza i cussini, che riescono comunque a tenersi agganciati da 54-59 a,l 58 59, grazie ad un paio di giocate di forza pura di Murri.
La gara sale ancora di tono nel periodo conclusivo. Al 34’ Raise Senior concretizza il piazzato del 64-68. Sulla ripartenza Moglia fa commettere alla difesa ospite il 4° fallo di squadra: segna entrambi i liberi a disposizione e, dopo un errore avversario, segna pure dall’angolo i 3 che riportano l’Aux CUS al volante della gara: 69-68.
Si gioca su tutti i palloni come se fossero quelli che valgono un campionato: il laniero Bertetti e il gialloblu Akoua si contendono la sfera a terra nei pressi del cerchio di centrocampo, dalla mischia il giocatore cussino non esce in piedi.
Il grave infortunio alla spalla, priva l’epilogo di uno dei grandi protagonisti del match e si fa sentire per qualche secondo tra i 24 a referto.
Murri traduce l’episodio negativo in energia positiva e fa 71-68, Borgialli tiene gli ospiti in scia con il 71-70. E poco dopo subisce un evidente contatto falloso in area cussina, gli arbitri lasciano correre, l’azione passa dall’altra parte, dove le p’iù che giustificate proteste del coach laniero Baroni sfociano in un tecnico: Moglia trasforma il libero, Rajacic ci mette 20 secondi a riportare la parità a quota 72.
Il lucidissimo Moglia e Murri (dalla lunetta) danno un altro strattone (76-72), Rajacic replica di forza e poi è glaciale dalla linea e tura anche questa falla: 76-76 a 50 secondi dal termine.
Quella che segue è l’azione che decide la gara: l’Aux CUS ci prova una prima volta con Brizzolara, bravissimo a crederci sull’errore e ad inseguire un rimbalzo lungo che sta per perdersi sula linea laterale. L’esterno cussino attacca il fondo e scarica a Murri che in diagonale trafigge da tre le ritardatarie rotazioni laniere: 79-76 a 14 secondi dal termine. Biella rimette in attacco per Bertetti, il tentativo di tripla gira sul ferro ed è preda della difesa. Un fallo immediato manda Mittica in lunetta a 3 secondi dai titoli di coda: il secondo libero va dentro e per l’Aux CUS equivale alla vittoria.
 
 
AUXILIUM CUS TORINO-PALLACANESTRO BIELLA 80-76
Parziali: 30-16, 44-34, 61-61
AUXILIUM CUS TORINO: Mittica 3, Brizzolara 5, Moglia 13, Petitti, Akoua 16, Terzi, Saccotelli 2, Marrone 6, Vincini, Murri 26, Pirani, Tibs 9. All. Raho.
BIELLA: Cursio n.e., Borgialli 13, Raise L. n.e., Bertetti 17, Rajacic 23, Salvato n.e., Cena, Blair 12, Cerri 2, Raise M. 7, Squizzato n.e.,Bassi 2. All. Baroni.

Condividi Articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

Related news