MARATONA A FROSSASCO, VITTORIA EPICA

Magari non servirà per accedere ai playoff ma la rocambolesca vittoria strappata con le unghie e con i denti sul campo di Frossasco rimarrà per molto tempo negli occhi dei nostri ragazzi e di chi l’ha vissuta in diretta.
Partenza promettente del Mastro Viaggiatore, ma intorno al 5’ il Franzin prende in mano la situazione con Rapetti: 17-11. Il CUS non fa una piega, conferma di essere sul pezzo e si porta al pareggio a quota 18 già al 17’ con tre di Soldera, per rimettere il naso davanti poco dopo con Boccardi: 19-20.
Salomonico 26-26 al 10’.
Cinque minuti dopo è ancora stallo totale: 31-31. Per un paio di giri di lancette si procede con vantaggi alterni (al massimo +3 Franzin ), poi nei 60 secondi che preludono al riposo, i padroni di casa si distanziano: 41-35.
Non senza qualche sofferenza il CUS mantiene invariato il passivo per tutto il terzo quarto. Al 32’
sul 54-46 al 32’ i biancoblu di Vialardi devono produrre il massimo degli sforzi per non perdere la maniglia e con gran carattere si riportano a contatto, difendendo con disciplina e intensità su ogni pallone: di Boccardi il 59-58 del 37’.
Recupero in pressing dalla rimessa dal fondo, canestro di Castagno, ed ecco il tanto inseguito sorpasso: 59-60 a due e mezzo dal termine.
Si procede con vantaggi di qua e di là fino in fondo: 65-64 a 14” dalla fine, il frossaschese Rapetti è in lunetta: corto il primo, dentro il secondo, 66-64. Rapido ribaltamento di fronte cussino e pareggio in entrata ancora di Boccardi quasi sulla sirena. Overtime.
Tra il 42’ e il 44’ il CUS sembra risolverla, portandosi sul 69-74 con un canestro di Negro e una coppia di liberi di Soldera.
Con le squadre in bonus, la lunetta diventa luogo frequentatissimo, soprattutto dagli ospiti. Il Franzin non è battuto, e anzi ha un colpo di coda e torna al comando con Menardi con 30” ancora da giocare.
Impatta Quimson dalla linea, poi negli ultimi secondi gli errori da sotto da un lato e dall’altro del campo sanciscono il secondo prolungamento. In cui il Mastro Viaggiatore non segna per 3 minuti e a 2 dalla fine è sotto 81-76.
Trenta secondi dopo il Franzin sembra avere la meglio: 82-78.
I biancoblu hanno però ancora energie mentali da buttare sul tavolo: l’82-81 è firmato da Femminò e un libero di Negro.
Per un minuto non segna più nessuno, a -13 secondi doppio errore in lunetta di Bagnati, sul secondo il Franzin recupera palla ma la perde subito, il CUS ribalta di corsa in maniera un po’ avventurosa e Negro segna in terzo tempo a -3 secondi e mezzo l’82-83.
Sulla rimessa veloce, pressione cussina, il Franzin pasticca e perde, l’allenatore di casa protesta per un presunto fallo, esce dal box e taglia il campo dal lato corto raggiungendo l’arbitro: espulso. Dentro solo primo libero di Soldera, ma c’è tempo solo più per rimettere a favore di Quimson che congela la palla.

FRANZIN VALNOCE-MASTRO VIAGGIOATORE CUS TORINO 82-84 D2TS
Parziali: 26-26,41-35, 51-46, 66-66, 76-76
FRANZIN: Bagnati 33, Asvisio 3, Rapetti 29, Fabi 2, Lacci 11, Dima 2, Mancuso, Pons, Menardi 2, Carità, Xhaji, Fenoglio. All. Giannetta.
CUS TORINO: Femminò 12, Quimson 18, Soldera 12, Castagno 12, Ferrario 4, Negro 10, Corona, Dell’Aglio 2, Boccardi 14, Bauducco, Colasanto. All. Vialardi. Ass. Petruzzi M.

Condividi Articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

Related news